MIA MOGLIE

Pale, Bosnia.

I suoi baci per il mio buongiorno, un caffè bevuto di fretta, non ho tempo, il bambino dorme, fuori il giorno comincia il suo lavoro da schiavo.
C’è freddo ma, con i tuoi sorrisi sento caldo e, poi il tuo respiro che la notte uccide le cattive abitudini.
Sei il mio mare, e io resto in mezzo per paura di non morire.
Ti ho sposato perché migliore donna di te al mondo, non c’è. Non ho paura di te, ho solo ansia quando penso che il mio ironico passato non possa sempre perdonarmi.
Sei bella come Sarajevo sotto la neve, sei bianca come i giorni senza numeri. Sei la mia vita. Sei l’unica salvezza dopo la morte, come un buddista voglio morire e rinascere accanto a te. Abbiamo visto tante città insieme ma, l’unica terra che voglio scoprire è la saliva che contempla i nostri baci. I suoi baci come ossigeno a questi occhi verdi che senza occhiali, vivono finalmente una vita normale. Ho preteso la felicità ma, l’unica cosa che mi fa sorridere sei tu, mia moglie. I miei domani sono tuoi, ho solo paura di morire adesso e, non poterti stare accanto.

5 pensieri su “MIA MOGLIE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...